Guida completa a NewTerm: il terminale per iOS

Impariamo a conoscere meglio NewTerm2, per sfruttare a fondo il nostro iDevice.

Il tutto in una guida alla portata di tutti!

newterm2, bash, ios, guida

NewTerm2 è una versione del Terminal fatta per gli iDevice di nuova generazione (alla stregua del defunto MobileTerminal) e integra comandi di Linux e allo stesso tempo di MacOSX (non che i terminali di questi due siano poi tanto differenti).

Se non lo avete già fatto modificate il vostro tipo di utente su Cydia per permettere il download:

  • Apriamo Cydia rechiamoci nella scheda gestisci e poi sul bottone in alto a sinistra impostazioni
  • Per scaricare NewTerm2 dobbiamo scegliere hacker o sviluppatore, dopo l’intallazione potremo tranquillamente rimettere utente se lo preferite

Ora che abbiamo installato il NewTerm2 procediamo alla sua apertura e procediamo ad un’operazione importantissima: il cambio della password di base.
Ciò ci rende vulnerabili a un’immensa quantità di virus, che sfruttano il problema della shell. Molti pensano che non installando il terminale non si ponga il problema, mentre ne è affetta anche la shell “invisibile” del kernel.

Passiamo quindi alla risoluzione del problema.

Aprite il terminale

  • su root <invio>
  • alpine <invio>
  • passwd <invio>
  • nuova pass root <invio>
  • passwd mobile <invio>
  • nuova pass mobile <invio>

Fatto questo il nostro terminale è ora al sicuro.

Passiamo ad una panoramica dei comandi disponibili:

Autenticarsi come root

su root <invio>
alpine <invio>

In questo modo otterrete tutti i permessi per accedere a tutte le cartelle e modificare i file

Muoversi tra le cartelle:

Se siete in /var/mobile/ e volete recarvi in /var/mobile/Documents/ dovrete inserire il comando

cd Documents <invio>

Cd è il nome del comando dato, mentre Documents è la cartella dove vogliamo recarci, nel caso tale cartella non sia contenuta in quella dove ci troviamo dovremo inserire uno slash “/” tra le cartelle. Ad esempio:

cd /Library/Activator <invio>

Ricordatevi di inserire il nome esatto con tanto di maiuscole e minuscole, poiché il terminale di MacOSX e quello di Linux sono case sensitive.

Operazione sui files e cartelle:

  • ls : elenca tutti i file presenti nella cartella nella quale siamo presenti;
  • cp nome_file percorso_copia;: copia un elemento in una determinata cartella ;
  • mv nome_file nuovo_nome_file: rinomina il file “nome_file” in “nuovo_nome_file”;
  • mkdir nome_cartella: crea la cartella “nome_cartella” nella directory visualizzata.

Gestione dei permessi:

  • chmod XXX nomefile : Cambia i permessi ad un singolo file, dove XXX sono i permessi e nomefile è il nome del file

esempio:

chmod 763 iOSrocks.txt <invio>

dove i permessi sono i seguenti:

0 – Nessun permesso.
1 – Esecuzione.
2 – Scrittura.
4 – Lettura.

la prima cifra identifica i permessi del proprietario, la seconda del gruppo, la terza per gli altri utenti.
Per vari permessi si effettua la somma (4+2+1=7) (4+2=6) (2+1=3)

  • chown nomeutente:nomegruppo : cambia il proprietario e il gruppo di un file.

esempio:

chown andrea:administrators la_vita_di_SteveJobs.txt <invio>

Ai comandi chmod e chown si può aggiungere il parametro -R per avere dei permessi ricorsivi che si ripercuotano sui contenuti della cartella selezionata. Esempio:

chmod -R 763 /Library/Documenti
chown -R andrea:administrators /private/var/mobile/Documenti

Altri comandi:

  • respring + pressione tasto home: effettua il respring
  • reboot : riavvia il dispositivo (è permesso solo all’utente ROOT)
  • dpkg -i nomefile.deb ;: installa il pacchetto “nomefile.deb”
  • halt : spegne il device

Inoltre è possibile aggiungere comandi tramite Cydia, ad esempio apt-get:

apt-get install gcc <invio>

oppure

apt-get remove gcc <invio>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *